Segreteria del Santuario

Segreteria del Santuario

24 Gennaio 2021

RITIRO PER TUTTI

Programma della Giornata.

Incontri sulla Sacra Scrittura. Appuntamento alle ore 16,00 in sala del Rosario per chi vuole partecipare di persona e in streaming sul canale Youtube di Padre Michele Babuin: 

https://www.youtube.com/channel/UCzGZlWm8IITlevGMDX6-44w 

sul sito del Santuario, per chi segue da casa. Tema dell' incontro: Giacobbe, la storia di una conversione.

Per chi desidera approfondimenti può scrivere a Padre Michele:

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

CALENDARIO PROSSIMI INCONTRI: sabato; 15 maggio; 19 giugno.

 

 Il presepe è una grande tradizione del Natale. Il Papa da Greccio (dove San Francesco ideò si può dire il 25 dicembre 1223 il primo presepe vivente) ha chiesto di riscoprirlo perchè "Rappresentare l'evento della nascita di Gesù equivale ad annunciare il mistero dell'Incarnazione del Figlio di Dio con semplicità e gioia".
Grazie ai nostri amici che ci ricordano un’antica tradizione che si rinnova per comunicare la fede.

02 Gennaio 2021

UN TRISTE PRESEPE

Il contadino presso la capanna
Con sguardo triste osserva il Bambinello,
le pecore son sparse sul sentiero,
ed il presepe sembra ancor più bello.
Vicino al contadino v’è un pastore,
che guarda un pò accorato il verde prato
pensando ai cari amici andati via
per colpa di quel virus disgraziato.
Mentre il gregge beve al torrentello
incurante di tutto ciò che accade.
Nella fornace il fabbro batte il ferro
formando un acre fumo micidiale.
Batte il martello formando le scintille,
che levandosi nell’ombra della sera
sembrano stelline che dal cielo,
scendono piano come una preghiera.
Nella capanna la Madonna è triste,
guarda il piccino stringendo le sue mani,
ma il bimbo dorme cullato dal calore
senza pensare cosa avverrà un domani.
L’ Angelo è sceso dal cielo illuminato
e i Magi seguon piano la cometa
Guardando tutti gli uomini affamati
Prima di giungere alla loro meta.
Questo è il Natale? Dimmi tu Signore,
che sei padrone del cielo e della terra
forse dovremmo pensare e più pregare
per questo mondo sconvolto dalla guerra?..
Spesso si dice che il Natale vero
è solo quello che sentiamo in cuore,
oggi purtroppo col virus che dilaga
siamo rimasti senza più calore.
La sapienza ci porta a ragionare
che la speranza è l’ ultima a morire,
e noi leggiamo negli occhi dei bambini
che tutto questo dovrà presto finire. Rita Golno

06 Gennaio 2021

EPIFANIA DEL SIGNORE

ORARI SANTE MESSE; ORE 9,00 - 10,00 - 12,00 - 16,30 - 18,00

31 Dicembre 2020

SEMPRE INSIEME

Alza la testa fratello, guardiamoci da lontano
niente pacche sulle spalle o stringere la mano,
niente incontri al bar per ridere o scherzare,
né abbracci, né carezze, né luoghi ove andare.
Molte persone anziane muoiono ogni giorno,
percorrono una strada dove non vi è ritorno,
il virus ha preso il trono, comanda come un re
e uccide sorridendo chi si avvicina a sé.
Le strade son deserte, le scuole abbandonate,
appuntamenti inutili sulle ore stracciate, lacrime
di sgomento sopra l’ intera terra sembra voler
rivivere le fasi di una guerra.
Solo restando uniti in un virtuale abbraccio
ci regaliamo insieme la forza ed il coraggio,
restando tutti a casa, sforzando la memoria
la vittoria sta scritta sui libri della storia.
“Il morbo infuria, il pan ci manca sul ponte
sventola bandiera bianca.”
Sono trascorsi secoli, calmata ormai la sete,
ma come succede spesso, la storia si ripete.
Se prima era Venezia a dover sopportare,
adesso è tutto il mondo che cerca di lottare.
Schiacciare questo virus? La lotta è inadeguata
conoscendo di lui una sola facciata.
Ma se restiamo uniti, sfondando porte oscure
presto non soffriremo guardando le fessure,
restando tutti a casa, sostiamo sul balcone
guardando giù la strada con gioia e non stupore
Conserviamo la voglia di poter ricominciare una
diversa vita, ma bella da intrecciare.   Rita Golino

01 Gennaio 2021

MADRE DI DIO

SANTE MESSE ORE 9,00 - 10,30 - 12,00 - 16,30 - 18,00

Nell’ottava del Natale si celebra la festa di «Maria madre di Dio». In verità, le letture bibliche mettono l’accento sul «figlio di Maria» e sul «Nome del Signore», anziché su Maria.
Infatti l’antica «benedizione sacerdotale» è scandita dal nome del Signore, ripetuto all’inizio di ogni versetto (prima lettura); il testo di san Paolo sottolinea l’opera di liberazione e di salvezza compiuta da Cristo, nella quale è incastonata la figura di Maria, grazie alla quale il Figlio di Dio ha potuto venire nel mondo come vero uomo (seconda lettura); il vangelo termina con l’imposizione del nome di Gesù, mentre Maria partecipa in silenzio al mistero di questo suo figlio nato da Dio.
Questa attenzione prevalente al «Figlio» non riduce il ruolo della Madre: Maria è totalmente Madre perché è stata in totale relazione a Cristo, perciò onorando lei è più glorificato il Figlio. Il titolo di «Madre di Dio» sottolinea la missione di Maria nella storia della salvezza: missione che sta alla base del culto e della devozione del popolo cristiano; Maria infatti non ha ricevuto il dono di Dio per sé sola, ma per portarlo nel mondo: «nella verginità feconda di Maria (tu, o Dio) hai donato agli uomini i beni della salvezza eterna» (colletta).

24 Dicembre 2020

SANTO NATALE 2020

Gli auguri più belli per tutti i fedeli che frequentano di persona o attraverso i media, il nostro Santuario

L'augurio è duplice : pace  e serenità :nel cuore, in famiglia, nel rapporto con tutti.

Pace e serenità, dono ricevuto dal Bambino Gesù in questo tempo di Natale

Auguri!  P. Silvano omv Rettore 

20 Dicembre 2020

AVVISO IMPORTANTE

Pagina 3 di 29

Contatti

santuarionsdifatima@gmail.com

Please, enter your name
Please, enter your phone number
Please, enter your e-mail address Mail address is not not valid
Please, enter your message
Acconsento al trattamento dei dati ai sensi del DLgs 196/2003 e del Reg. UE 2016/679.
Leggi l'informativa

Iscriviti alla newsletter

Iscriviti alla nostra newsletter: sarai costantemente informato sulle nostre iniziative, eventi, etc...

Donazioni

  • Il Santuario N.S. di Fatima nato per la generosità di tante persone e per chi ha donato tutto per la maggior Gloria di Dio, si sostiene con il contributo libero di quanti devolvono a suo favore offerte. Chi volesse contribuire può farlo:

    IBAN: IT94 L083 2703 2180 0000 0019 714

    Banca di Credito Cooperativo di Roma
    C.C. POSTALE 439018
    intestato Istituto degli Oblati di Maria Vergine, Santuario N.S. di Fatima