Segreteria del Santuario

Segreteria del Santuario

LA COMNITA' DEI PADRI OMV E DELLE SUORE OMVF OGNI TREDICI DEL MESE AFFIDANO LE VOSTRE INTENZIONI AL CUORE IMMACOLATO DI MARIA AFFINCHE' INTERCEDA PRESSO DIO PER LE VOSTRE INTENZIONI.

SABATO 5 DICEMBRE

  • ORE 17,00 ESPOSIZIONE DELLE RELIQUIE E RECITA DEL ROSARIO
    ORE 17,30 CELEBRAZIONE EUCARISTICA
    ORE 19,00 RECITA DEL ROSARIO ANIMATO DAI GIOVANI

DOMENICA 6 DICEMBRE

- ALLE MESSE PREGHIERA A SAN CAMILLO - ORE 9.00 - 10,30 - 12,00 - 16,30 - 18,00

  • ORE 15,30 PRESENTAZIONE DELLA SPIRITUALITA' DI SAN CAMILLO - RELATORE PADRE G. LUNARDON -  CAMILLIANO
    ORE 16,30 CELEBRAZIONE EUCARISTICA
    ORE 18,00 CELEBRAZIONE EUCARISTICA

in questo anno pastorale dominato dai timori della PANDEMIA , ci affideremo ad un Santo o ad una Santa che , accanto a MARIA, interceda per le necessita' nostre e del mondo.

Saranno presenti in un  prezioso reliquiario le reliquie di S.Camillo de Lellis, patrono dei malati e degli operatori sanitari

PREGHEREMO IL ROSARIO , GUIDATO DAI NOSTRI GIOVANI, IN SANTUARIO SABATO 5 DICEMBRE ALLE 19,00

Nella Domenica a tutte le SS. Messe veneremo le sacre reliquie di S.Camillo e nel pomeriggio alle 15,.45 : S.Rosario meditato sui pensieri del Santo , seguira' la Messa delle 16,30.

SANTE MESSE ORE 9,00 - 10,30 (FILIPPINI) - 12,00 - 16,30 - 18,00

30 Novembre 2020

NOVENA DELL'IMMACOLATA

Inizio novena dell'Immacolata  alla Messa delle 17.30. 

SANTE MESSE ORE 9,00 - 10,30 - 12,00 - 16,30 - 18,00

26 Novembre 2020

AVVENTO 2020

Domenica 29 Novembre inizia per la Chiesa l’Avvento, il cammino liturgico che conduce al Natale, la festività che celebra la nascita di Cristo. E’ un periodo che invita a meditare l’incarnazione di Dio, che in Gesù si rivela all’uomo ed entra nel mondo per mostrargli la via della Salvezza. 

R. – La novità viene dallo Spirito, perché ogni anno lo Spirito dà vita nuova alle parole che ascoltiamo, e che ascoltiamo in un contesto sempre nuovo. Quindi, come la Parola di Dio è sempre quella – e ogni volta però è nuova, perché cade su una situazione nuova e perché lo Spirito Santo ne mette in luce delle implicazioni nuove . 

D. – Come predisporsi per vivere pienamente il tempo d’Avvento?

R. – La predisposizione esteriore è quella di darsi un po’ più di spazio di silenzio, di preghiera, di contemplazione. I tempi forti ci sono anche per questo: per operare uno stacco dal ritmo solito della vita. Non si può certamente diminuire l’impegno, il lavoro, si può però diminuire il chiasso della televisione e di altre cose, per cui si può entrare in un clima di maggiore silenzio, di maggiore interiorità. Al fondo, però, poi, quello che decide è l’apertura maggiore o minore allo Spirito Santo, perché è lo Spirito Santo ad essere la presenza viva di Cristo. L’Avvento ha senso in quanto riviviamo l’attesa, la venuta di Cristo: ma chi rende nella Chiesa, nella storia, presente Cristo è Lui, è lo Spirito Santo. Lo Spirito Santo venne su Maria e lo Spirito Santo in questo tempo di Avvento dovrebbe venire su tutti i cristiani. E lui viene. L’importante è che lo si desideri, lo si attenda, perché come dice San Bonaventura: "Lo Spirito Santo va là dove è atteso, desiderato e amato".

D. – Un’attesa che ha la durata di quattro settimane. Come si sviluppa il percorso liturgico?

R. – C’è, all’interno dell’Avvento, un cammino di avvicinamento che si intensifica. All’inizio, per esempio, nella liturgia si ascolta soprattutto Isaia – testi di Isaia – che annunciano l’Avvento della salvezza da lontano. Poi, la seconda e terza settimana, la figura centrale è Giovanni Battista, che è già il precursore, e quindi ci si avvicina un po' più. L’ultima domenica di Avvento è dominata dalla figura di Maria e direi che il miglior compagno di viaggio durante l’Avvento sia proprio Lei, perché ha vissuto questo tempo come ogni madre nell’imminenza del parto: con un’interiorità, un’intensità, una tenerezza particolari. Quindi, Maria ci può aiutare certamente ad andare incontro a Cristo, non così spensierati, disamorati, ma andare incontro a Cristo con il cuore, prima ancora che con il tempo. (ap) www.radiovaticana.org

La consacrazione diaconale è in vista dell’ordinazione sacerdotale. L’attitudine al servizio, però, deve rimanere immutata nel tempo, anzi deve crescere sempre di più. La dedizione deve farsi più intesa e la passione ancora più infuocata. Quanto più l’offerta della tua vita sarà generosa e totale, tanto più si moltiplicherà la gioia e la letizia del tuo ministero. C’è, infatti, più gioia nel donare che nel ricevere. Ed è questo l’augurio che ti rivolgiamo caro Christian: la gioia del Signore sia la forza segreta del tuo  ministero diaconale. Annuncia con gioia a tutti che sei messaggero di gioia a servizio del Dio della gioia.

Lo stabilisce un Decreto della Penitenzieria Apostolica per evitare assembramenti nell’attuale situazione di pandemia.

Il coronavirus non lascia immutata nemmeno la commemorazione dei fedeli defunti del prossimo 2 novembre. Ieri la Penitenzieria apostolica ha diffuso un decreto in cui si introducono concessioni per evitare assembramenti nei cimiteri. Il motivo di queste misure, scrivono il cardinale Mauro Piacenza, penitenziere maggiore, e il reggente monsignor Christophorus Nykiel, è il numero di richieste giunte alla Penitenzieria da parte dei vescovi affinché, a causa della pandemia, «venissero commutate le pie opere per conseguire le indulgenze plenarie applicabili alle anime del Purgatorio».

Due i punti principali del decreto. Il primo: «L’indulgenza plenaria per quanti visitino un cimitero e preghino per i defunti anche soltanto mentalmente, stabilita di norma solo nei singoli giorni dal 1° all’8 novembre, può essere trasferita ad altri giorni dello stesso mese fino al suo termine». E «tali giorni, liberamente scelti dai singoli fedeli, potranno anche essere tra loro disgiunti».

Secondo aspetto: «L’indulgenza plenaria del 2 novembre, stabilita in occasione della commemorazione di tutti i fedeli defunti per quanti piamente visitino una chiesa o un oratorio e lì recitino il Padre Nostro e il Credo, può essere trasferita non solo alla domenica precedente o seguente o al giorno della solennità di Tutti i Santi, ma anche a un altro giorno del mese di novembre, a li- bera scelta dei singoli fedeli».

Remissione della pena L’indulgenza è la totale o parziale remissione della pena temporale che resta da scontare – sulla terra o in Purgatorio – per i peccati già confessati e perdonati sacramentalmen te. Per usare un’immagine, se consideriamo il peccato come un chiodo piantato in un muro, esso viene tolto con la Confessione. Resta però l’effetto del male commesso e che va riparato, il foro appunto, che l’indulgenza per così dire chiude

Per quanto riguarda invece gli anziani, i malati e coloro che «per gravi motivi non possono uscire di casa» – ad esempio a causa di restrizioni imposte dall’autorità pubblica come lockdown e coprifuoco – costoro «potranno conseguire l’indulgenza plenaria purché, unendosi spiritualmente a tutti gli altri fedeli, distaccati completamente dal peccato e con l’intenzione di ottemperare appena possibile alle tre consuete condizioni (confessione sacramentale, comunione eucaristica e preghiera secondo le intenzioni del Santo Padre), davanti a un’immagine di Gesù o della Beata Vergine Maria, recitino pie orazioni per i defunti, ad esempio le Lodi e i Vespri dell’Ufficio dei defunti, il Rosario, la Coroncina della Divina Misericordia, altre preghiere per i defunti più care ai fedeli, o si intrattengano nella lettura meditata di uno dei brani evangelici proposti dalla liturgia dei defunti, o compiano un’opera di misericordia offrendo a Dio i dolori e i disagi della propria vita».

Per le condizioni spirituali necessarie a conseguire pienamente l’indulgenza, si rimanda alle indicazioni emanate dalla stessa Penitenzieria in un’articolata nota dello scorso 19 marzo reperibile su www.vatican.va («Circa il Sacramento della Penitenza nell’attuale situazione di pandemia») in cui si leggeva tra le altre cose: «Laddove i singoli fedeli si trovassero nella dolorosa impossibilità di ricevere l’assoluzione sacramentale, si ricorda che la contrizione perfetta, proveniente dall’amore di Dio amato sopra ogni cosa, espressa da una sincera richiesta di perdono (quella che al momento il penitente è in grado di esprimere) e accompagnata dal votum confessionis, vale a dire dalla ferma risoluzione di ricorrere, appena possibile, alla confessione sacramentale, ottiene il perdono dei peccati, anche mortali».

Infine la Penitenzieria apostolica, il più antico dicastero della Curia Romana, prega vivamente tutti i sacerdoti che non hanno impedimenti fisici a mettersi a disposizione con generosità per le Confessioni e per amministrare la Comunione agli infermi. E visto che le anime del Purgatorio vengono aiutate dai suffragi dei fedeli «e specialmente con il sacrificio dell’altare a Dio gradito », tutti i sacerdoti sono invitati a celebrare tre volte la Messa il giorno della commemorazione dei defunti.


PIO XII [1939 - 1958]

Il pontificato di Pio XII, protrattosi per quasi venti anni (2 marzo 1939-9 ottobre 1958), fu caratterizzato da eventi e temi importanti in rapporto a Fatima. Innanzi tutto, è possibile evidenziare una coincidenza che il Papa stesso avrebbe più tardi definito provvidenziale, rivelando così che Dio aveva preparato l'accoglienza del messaggio di Fatima, avviata dal suo predecessore. In effetti, Eugenio Pacelli era stato ordinato vescovo proprio il 13 maggio 1917, giorno della prima apparizione della Madonna di Fatima. Dichiarazioni successive avrebbero rivelato che il futuro papa non smise mai di considerare questa coincidenza come segno di benevolenza, al contempo divina e mariana, offertagli dalla Provvidenza. Nel 1940, in occasione delle celebrazioni per l'ottavo centenario della nazione portoghese, Sua Santità scrisse una enciclica (Speculo exeunte octavo) ai vescovi portoghesi. In aprile, i vescovi avevano diretto una pastorale collettiva ai diocesani, nella quale affermavano: «Ancora adesso, in un impeto di ineffabile amore (la patrona del Portogallo) ha fatto l'onore di visitare la terra portoghese, apparendo a Fatima, dove tutto parla di lei e da dove vi stiamo rivolgendo questa esortazione». Pio XIL, nel suo solenne documento, non esitò a scrivere: «La Madonna del Rosario di Fatima, la Signora del Rosario che vinse a Lepanto, vi assisterà col suo potente patrocinio». Precedentemente si era riferito al rosario «tanto raccomandato dalla Madonna di Fatima». Un elemento importante di questo primo periodo consiste in una lettera, la prima, che suor Lucia aveva inviato dalla Spagna a Sua Santità, datata 2 dicembre 1940. La veggente, che all'epoca aveva 39 anni, già religiosa di Santa Dorotea, dopo aver riferito che il suo confessore aveva tentato in vari modi di entrare in contatto con il Santo Padre Pio XIL, sin dal 1929, rivelava al Papa alcune parti del segreto del 1917 e riferiva urgente la condizione di pace in risposta alla richiesta della Madonna: la devozione dei primi cinque sabati e la consacrazione della Russia all'Immacolato Cuore di Maria. La Seconda guerra mondiale era iniziata da un anno e mezzo. Poiché non si trattava della prima volta che Dio manifestava la sua volontà sugli avvenimenti della Chiesa e del mondo al più alto rappresentante di Cristo tramite di veggenti, possiamo comprendere che tale richiesta esigeva dal Papa non solo un profondo esame, ma anche una grande discrezione di azioni e parole. Tanto più che, dalla seconda memoria di Lucia, scritta nel 1937, si era andata confermando l'esistenza di un altro nucleo di apparizioni, diffusamente evocate in occasione delle apparizioni a Cova da Iria e che non riguardavano la Madonna, ma un angelo. Così la devozione dei primi cinque sabati e la consacrazione della Russia, questo era un tema nuovo, se da una parte andava ad arricchire il complesso di Fatima, lasciava però incompleta la sentenza episcopale del 1930 e rendeva più delicato l'intervento delle autorità religiose. Si teneva presente che, nonostante la piena fiducia riposta in suor Lucia, il vescovo di Leiria aveva provveduto, timidamente e senza spiegazione, a pubblicare la devozione dei primi cinque sabati solo nel settembre del 1929 e solo nel 1942 avrebbe concesso l'indulgenza alle due preghiere che Lucia aveva attribuito all'angelo di Loça do Cabeco. Quest'insieme di nuove apparizioni e messaggi, ancora oggi non studiati, e le decisioni formali da parte dell'autorità diocesana avrebbero costituito, a partire dalla straordinaria diffusione mondiale della devozione alla Madonna di Fatima, oggetto di una lunga controversia fra teologi di diverse nazionalità. Non stupisce, quindi, che praticamente tutte le manifestazioni di Pio XIL siano caratterizzate da un certo calore e da una discreta ritenzione, calore relativo ai segni più visibili e innegabili, come il successo del pellegrinaggio, il fervore dei pellegrini e persino il favore divino che vi si rivelava; ritenzione rispetto alle realtà naturali e sovrannaturali su cui si fondavano miracoli, messaggio e apparizioni.

L'Episcopato portoghese aveva cominciato ben presto, già net 1931, e poi net 1938, a rispondere alla richiesta di consacrazione all'Immacolato Cuore di Maria avanzata durante l'apparizione a Lucia net giugno del 1929. I vescovi portoghesi attribuirono a questa consacrazione la grazia che fece sì che il Portogallo rimanesse tagliato fuori dalla guerra civile spagnola e dalla Seconda guerra mondiale (Pastorale collettiva, aprile 1940). Net 1938 costoro inviarono a Papa Pio XII una richiesta affinché provvedesse anche alla consacrazione. Si avvicinava il venticinquesimo anniversario delle apparizioni a Cova da Iria e tutta la nazione si rallegrava delta rinnovata fede che andava affermandosi. Il Portogallo aveva celebrato un concordato con la Santa Sede a favore delle nuove condizioni introdotte dallo Estado Novo; i vescovi si riunivano abitualmente a Fatima e da qui datavano i loro documenti pastorali e preparavano grandi celebrazioni per l'anno giubilare 1942. Furono organizzati grandi pellegrinaggi dei movimenti dell'Azione Cattolica. Il 13 maggio presiedette il cardinale-patriarca di Lisbona; Sua Eminenza rivelò allora le apparizioni dell'angelo e pronunciò il seguente giudizio su Fatima: «Il vocabolario portoghese non ha altra parola per significare quello che qui è accaduto venticinque anni fa, se non: miracolo». Il 13 ottobre sarebbe stato lo stesso cardinale-patriarca a benedire la preziosa corona che le donne portoghesi avevano offerto alla Madonna di Fatima per l'anno giubilare. La chiusura e l'apice delle commemorazioni, alla presenza dei più alti rappresentanti della Chiesa e della società civile, si sarebbero tenuti il 31 ottobre, al Monastero dei Gerosolimitani di Lisbona, luogo di grande solennità. Fu in questo grandioso scenario, e non a Fatima, né in occasione di un anniversario delle apparizioni, che Papa Pio XII riservò la sua prima manifestazione solenne di apprezzamento per gli eventi di Serra do Aire. Rivolgendosi alla grande assemblea e a tutti i portoghesi, in un messaggio radio il Papa evocò «la montagna santa di Fatima, oasi balsamica di fede e pietà», ringraziò commosso l'associazione «del giubileo della Madonna di Fatima e il venticinquesimo anniversario della Nostra Consacrazione Episcopale...», e continuò: «l'atmosfera di miracolo che soffia in Portogallo si sviluppa in prodigi fisici e in ancor maggiori e numerosi prodigi di grazie e conversioni e fiorisce in questa primavera profumata di vita cattolica» cosicché «dobbiamo confessare che la Madre di Dio vi ha colmati di benefici veramente straordinari». Ricordò in seguito «l'apoteosi della Vergine Nostra Signora nel suo pellegrinaggio dal Santuario di Fatima alla Capitale dell'Impero... forse la maggiore dimostrazione di fede della Storia otto volte secolare delta vostra Patria», «il pellegrinaggio nazionale del tredici maggio "giornata eroica di sacrificio", "le parate dei bambini delta Crociata eucaristica", la preziosa corona fatta di oro e pietre preziose e, ancor di più, del purissimo amore e generosi sacrifici», tutte «bellissime dimostrazioni di pietà» con cui il popolo portoghese «vuol soddisfare il suo immenso debito con la sua celeste Regina e Madre». Il Papa terminò questo notevole discorso rivolgendosi alla Madonna «come Padre comune della grande famiglia cristiana», con la prima formula pontificia di consacrazione all'Immacolato Cuore di Maria: «A Voi, at Vostro Cuore Immacolato, in questa tragica ora delta storia umana, confidiamo, ci affidiamo, consacriamo, non solo la Santa Chiesa [ ... ] ma anche tutto il mondo [ ... ] vittima delle sue stesse iniquità». Citando "gli infedeli" e  «i popoli dall'errore o dalla discordia separati, soprattutto quelli che vi professano singolare devozione, dove non c'era casa che non ostentasse la vostra veneranda icona (oggi forse nascosta e riservata a giorni migliori)», Sua Santità rendere noto chiaramente, seppur in termini generici, di voler consacrare la Russia, Paese che Lucia gli ha riferito essere oggetto della richiesta della Madonna. La portata universale di tale consacrazione è dichiarata subito dopo da Sua Santità: «Infine, come al Cuore del Vostro Gesù sono stati consacrati la chiesa e tutto il genere umano, così da oggi siano perpetuamente consacrati a Voi e al Vostro Cuore Immacolato, oh Madre nostra e Regina del mondo».

Possiamo in sintesi affermare che con questo messaggio radio fu riconosciuta e lodata la genuinità della devozione dei portoghesi alla Madonna di Fatima e al contempo, in modo assai più velato, l'eventuale rapporto con l'Immacolato Cuore di Maria e la consacrazione del mondo e della Russia, oggetto del messaggio. La consacrazione e la corona donata dalle donne portoghesi sono i due temi che polarizzeranno gli speciali rapporti tra Fatima e Roma.

Il 1954 fu un anno fondamentale grazie a due documenti di significato decisivo quanto alle manifestazioni delle certezze del Papa riguardo a Fatima e al desiderio e alla decisione di corrispondere alle sue richieste. Innanzi tutto l'enciclica Ad Coeli Reginam, con la quale Sua Santità istituì per la prima volta la festa liturgica di Nostra Signora Regina, ricorda l'incoronazione della "prodigialis" immagine della Madonna di Fatima e rivela nel messaggio via radio «il messaggio della sovranità di Maria», ordinando che venga reiterata nel giorno di festa, in tutta la Chiesa, l'incoronazione cui aveva provveduto lui stesso nel 1942 all'Immacolato Cuore di Maria. Un mese dopo, con la lettera apostolica Luce superna, egli eleva la chiesa principale del santuario, nel frattempo solennemente consacrata a dignità di basilica minore. Il Papa afferma che: «Avendo la luce suprema illuminato il nostro tenebroso secolo, si costruì un grande tempio dedicato alla Vergine Maria a Fatima, Portogallo, dove la Madre di Dio, chiamata del Rosario, apparve in passato» (alla lettera "si fece vedere"). Subito dopo Egli menziona per la prima volta le tombe di Francisco e Jacinta «che furono graziati con la visione della Madre di Dio». É la prima volta che impiega una formula usuale nei casi in cui la Santa Sede intende manifestare la propria certezza riguardo un'apparizione sovrannaturale. Nonostante il vasto terreno ancora aperto allo studio, questo breve testo è come un sigillo discreto con cui la suprema autorità pontificia autentica di fatto le apparizioni. Non si tratta dell'ultima parola, ma di una parola esplicita e non equivoca. Nel frattempo, nel 1955, la Santa Sede rispose al vescovo di Leiria sull'inopportunità dell'istituzione di una festa intitolata "Apparizione della Beata Vergine Maria del Santissimo Rosario" richiesta dalla CEP, da celebrarsi IL 13 maggio.

Negli anni che rimasero da vivere a Pio XII a Fatima presenziarono ai pellegrinaggi commemorativi, a maggio del 1956, il cardinale Angelo Roncalli, arcivescovo di Venezia, pin tardi Papa Giovanni XXIII; a ottobre dello stesso anno il cardinale Eugenio Tisserant, segretario della Chiesa Orientale che benedì la sede dell'Esercito Azzurro per delega papale; il cardinale Piazza, segretario della Sacra Congregazione concistoriale, che si reca Fatima due volte nel 1957; il cardinale Cicognani, prefetto della Congregazione dei Riti, che presiedette il 13 ottobre dello stesso anno. Un mese prima della sua morte, il 13 settembre 1958, Papa Pio XII cui alcuni attribuirono il titolo di Papa Fatima, nominò D. Joâo Pereira Vendcio vescovo di Leiria.

Il processo dei rapporti tra Roma Fatima si concluse positivamente? Possiamo dire di no. Bisogna osservare che non competeva propriamente alla Santa Sede pronunciarsi circa la credibiltà dei bambini e quindi sulla verità delle apparizioni. Di norma, avendo il vescovo diocesano emesso la sua sentenza, San Pietro poteva attenersi oppure no a tale posizioni. E possiamo affermare che grosso modo la sua posizione fu sempre estremamente positiva riguardo agli aspetti del culto del messaggio, ma discreta riguardo a apparizioni.

Il Papa ha accettato integralmente quanto richiesto? Due delle richieste presentate da Lucia come alcune delle richieste della Madonna non avrebbero tenuto risposta, se non parziale: la consacrazione all'Immacolato Cuore di Maria, la devozione dei primi cinque sabati. Alla prima mancò la menzione speciale per Russia, l'unione di tutti i vescovi del mondo col Santo Padre; alla seconda perché, nonostante le insistenze della veggente la Santa Sede mantenne il silenzio. Se paragoniamo le omelie e alcuni documenti dei suddetti cardinali con i documenti di Pio XII, non possiamo non notare differenze considerevoli, sotto tutti i punti di vista, ma soprattutto riguardo a quelli più decisivi, cioè la credibilità e la santità dei bambini, il messaggio e le apparizioni.

Sin dall'inizio del pontificato, e fino alla fine, aumentarono considerevolmente le manifestazioni favorevoli di Pio XII riguardo a tutti gli aspetti riguardanti Fatima. Nei gesti come nelle parole, sono questi gli aspetti che sempre più attrassero uno sguardo favorevole della suprema autorità:

1 - Il pellegrinaggio con i rispettivi atti di culto liturgico e di devozione popolare;

2 - I1 luogo, montagna, santuario;

3 - Le grazie divine di Dio ivi concesse e che da lì si propagano in Portogallo e al di la dei confini;

4 - L'immagine principale che è l'oggetto degli attributi più esaltanti;

5 - I numerosi miracoli fisici e morali;

6 - Il messaggio riferito varie volte anche se solo con termini assai vaghi riguardo all'origine;

7 - I veggenti, tra cui vengono ricordati Francisco e Jacinta;

8 - Le apparizioni, con l'elevazione della chiesa principale a dignità di basilica.

Diciamo che, se osservati alla lente d'ingrandimento, i documenti di questo pontificato manifestano al contempo una simpatia senza restrizioni per quanto accade a Fatima e una progressiva chiarificazione riguardo alle origini di tali avvenimenti nelle apparizioni della Madonna. In un'unica occasione Pio XII adoperò un'espressione restrittiva che non mancò di attirare l'attenzione degli studiosi, in un momento in cui cresceva l'interesse della teologia per i fenomeni sovrannaturali delle apparizioni e delle visioni. Ciò accadde proprio a causa di Fatima, a partire dagli anni Quaranta, quando gli eventi cominciarono a dimostrarsi capaci di mobilitare energie celesti intorno al messaggio, al punto da ottenere ciò che fino ad allora era accaduto raramente: implicare la propria autorità suprema. Con i vari interventi di cui abbiamo già parlato, e non solo in atti riguardanti tutta la Chiesa, ma persino nella consacrazione di un intero Paese ortodosso come la Russia, dominata da un regime totalitario, sistematicamente ateo, che si estendeva in tutti i continenti e che, nonostante i molti martiri, godeva di una certa simpatia in non pochi settori della Chiesa Cattolica. Ne scaturì una lunga controversia tra teologi di fama e responsabilità, tra i quali Karl Rahner, che dedicô all'argomento un breve ma compatto volume della collezione Quaestiones disputatae, dal titolo Visionen und Prophezeiungen (Herder, Friburgo) e tre edizioni 1952, 1958 e 1960. Nell'ultima edizione, alle pagine 13 e 14, vengono citati alcuni dei teologi allora entrati in polemica. Gli studi proseguirono più serenamente, in occasione del centenario a Lourdes, nel 1958, e possiamo affermare che una nuova era di rigore e stata inaugurata dalla Chiesa quanto ai criteri per giudicare eventi di tenore sovrannaturale, che sempre sono stati e continuano a essere oggetto di difficilissimo discernimento, dovuto alle cause profonde e occulte dello psichismo umano. L'espressione o formula restrittiva, cui prima abbiamo fatto riferimento, fu impiegata da Pio XII nella suddetta lettera in cui assegnava al cardinale Tedeschini la missione di dare inizio a Fatima alle celebrazioni di chiusura dell'Anno Santo universale: «Nel prossimo mese d'ottobre [...] quando l'Anno Santo che abbiamo esteso al mondo intero starà per terminare, si celebreranno solenni festività in onore della Beata Vergine Maria, al Santuario di Fatima. Il giorno 13 ottobre, nel quale, a quanto consta, la Beata Vergine Maria vi apparve per l'ultima volta, una gran folla di fedeli vi accorrerà, come sempre, per venerare l'immagine della Madonna di Fatima». Abbiamo tradotto con a quanto consta, l'espressione uti fertur che la Santa Sede usa impiegare per tradizioni antiche, più o meno fondate, di apparizioni che hanno dato origine a santuari, ma sulla cui autenticità non intende pronunciarsi. Alcuni autori, tra i quali José Aldama, hanno interpretato tale espressione, diciamo classica, con un atteggiamento di riserva. Non essendo questo il luogo per uno studio esauriente, ci limiteremo a osservare che, di norma, l'espressione non si riferisce al verbo "apparve" (conspiciendam se dedit), ma soltanto al complemento di tempo "per l'ultima volta" che la lettera esprime con l'avverbio "postremo". In effetti, la Madonna aveva promesso, nelle prime che sarebbe tornata una settima volta. Lucia avrebbe rivelato più tardi che questa settima apparizione avvenne quando abbandonò Cova da Iria per recarsi a studiare a Oporto, nel giugno del 1921. Non crediamo, quindi, che questa espressione meriti di restare nella storia come manifestazione di dubbio, ma solo come una lieve ombra che evidenzia maggiormente la luminosità del quadro.

[LUCIANO GUERRA, Pio XII e Fatima, in MOREIRA C. A. - CRISTINO L., Enciclopedia di Fatima, Cantagalli, Siena 2010, pp. 340-348]

 

Pagina 4 di 29

Contatti

santuarionsdifatima@gmail.com

Please, enter your name
Please, enter your phone number
Please, enter your e-mail address Mail address is not not valid
Please, enter your message
Acconsento al trattamento dei dati ai sensi del DLgs 196/2003 e del Reg. UE 2016/679.
Leggi l'informativa

Iscriviti alla newsletter

Iscriviti alla nostra newsletter: sarai costantemente informato sulle nostre iniziative, eventi, etc...

Donazioni

  • Il Santuario N.S. di Fatima nato per la generosità di tante persone e per chi ha donato tutto per la maggior Gloria di Dio, si sostiene con il contributo libero di quanti devolvono a suo favore offerte. Chi volesse contribuire può farlo:

    IBAN: IT94 L083 2703 2180 0000 0019 714

    Banca di Credito Cooperativo di Roma
    C.C. POSTALE 439018
    intestato Istituto degli Oblati di Maria Vergine, Santuario N.S. di Fatima