Peregrinatio Marie a Casape In evidenza

Nell’immediato dopoguerra, su iniziativa promossa dalla Chiesa francese, si diffuse in Italia la *Peregrinatio Mariae*, inizialmente a livello locale (famosa è quella organizzata dalla Diocesi di Milano tra il 1947 e il 1949), e poi a livello nazionale. Nata come forma di ringraziamento alla Madonna per la fine della Seconda Guerra Mondiale, è sempre stata seguita con grandissima partecipazione emotiva.

Nella *Peregrinatio Mariae*, è la Madonna stessa che si fa "missionaria", andando incontro ai suoi figli. Maria "entra" nelle nostre case e ci presenta il Vangelo, portando alla predicazione, alla confessione, alla Celebrazione Eucaristica, insieme a manifestazioni come la processione, che raffigura un popolo in cammino che prega, canta e si rivolge a Maria Santissima, ognuno con le proprie attese che porta nel cuore affinché le presenti a suo Figlio Gesù.

È tradizione per i Padri Oblati di Maria Vergine e le Suore Oblate di Maria Vergine di Fatima partecipare e organizzare missioni popolari e mariane.
A Casape, il 22 - 23 Giugno, si è colta l’occasione per riprendere dopo tanto tempo queste manifestazioni, così care e fruttuose per il popolo di Dio.

Questo pellegrinaggio, in preparazione al Giubileo del 2025, porta con sé un messaggio di speranza e fiducia, incarnando il tema giubilare “Pellegrini di Speranza”. Il Simulacro della Vergine Maria di Fatima è stato portato a Casape da Padre Michele Babuin, rettore del Santuario N.S. di Fatima – San Vittorino, insieme a Suor Maria Rosa e Suor Milena della comunità delle Suore Oblate e dai collaboratori del Santuario.

Le due giornate mariane sono state animate da momenti di preghiera e affidamento alla Madre di Dio, coinvolgendo la comunità parrocchiale e radunando persone di tutte le età. Il titolo del Giubileo, “Pellegrini di Speranza”, riflette il messaggio di fiducia e speranza che la peregrinazione della Madonna di Fatima porta con sé. La figura della Vergine Maria, in questo itinerario spirituale, ci ricorda la sua disponibilità al progetto di Dio e ci ispira a essere pellegrini di speranza in tutte le circostanze della nostra vita, sapendo che il Signore continua a ripetere a ciascuno: “Non temere, perché hai trovato grazia presso Dio”.  E dalle parole della Vergine a Fatima: “Non temere, il mio Cuore Immacolato sarà la via che ti condurrà a Dio”.

Questo pellegrinaggio non è stato solo un momento di devozione personale, ma un’opportunità per la comunità parrocchiale di rinnovare la propria fede e riscoprire il vero significato della speranza cristiana. Attraverso la preghiera, la riflessione e la condivisione fraterna, i fedeli hanno accolto l'invito di Maria a Cana: “Fate tutto quello che vi dirà”, invito che trova nel Messaggio di Fatima l’urgenza della conversione affinché il mondo ritrovi la via della vera pace e della fraternità.

"..Volete offrirvi a Dio per sopportare tutte le sofferenze che Egli vorrà mandarvi, in atto di riparazione per i peccati con cui Egli è offeso, e di supplica per la conversione dei peccatori?
- Sì, vogliamo.
- Allora, dovrete soffrire molto, ma la grazia di Dio sarà il vostro conforto.
Fu mentre pronunciava queste ultime parole (la grazia di Dio...) che aprì per la prima volta le mani, comunicandoci una luce così intensa, una specie di riflesso che da esse usciva e ci penetrava nel petto e nel più intimo dell’anima, facendoci vedere noi stessi in Dio, che era quella luce, più chiaramente di come ci vediamo nel migliore degli specchi. Allora, per un impulso intimo pure comunicatoci, cademmo in ginocchio, e ripetevamo col cuore:
- Santissima Trinità, io Vi adoro. Mio Dio, mio Dio, io Vi amo nel Santissimo Sacramento.
Passati i primi momenti, la Madonna aggiunse:
- Recitate il rosario tutti i giorni per ottenere la pace nel mondo e la fine della guerra.» ( Fatima 13 Maggio 1917)

Contatti

santuarionsdifatima@gmail.com

Please, enter your name
Please, enter your phone number
Please, enter your e-mail address Mail address is not not valid
Please, enter your message
Acconsento al trattamento dei dati ai sensi del DLgs 196/2003 e del Reg. UE 2016/679.
Leggi l'informativa

Iscriviti alla newsletter

Iscriviti alla nostra newsletter: sarai costantemente informato sulle nostre iniziative, eventi, etc...

Donazioni

  • Il Santuario N.S. di Fatima nato per la generosità di tante persone e per chi ha donato tutto per la maggior Gloria di Dio, si sostiene con il contributo libero di quanti devolvono a suo favore offerte. Chi volesse contribuire può farlo:

    IBAN: IT55 G 03069 39450 100000009531

    Banca Intesa San Paolo
    C.C. POSTALE 439018
    intestato Istituto degli Oblati di Maria Vergine, Santuario N.S. di Fatima