13 Maggio 2017

La luce ed il tepore di un raro mattino, trasparente come l’azzurro del cielo, carico di nuvole bianche, mi avvolgono insieme al canto:... “Alleluia, o mio Signore, alleluia o Dio del Cielo…”

E’ un momento puro, e tutto concorre ad un sentimento di gioia.

Fuori sul piazzale sto attendendo la fine della Santa Messa. Sto attendendo di salutare la piccola statuina bianca in procinto di lasciarci per continuare il suo viaggio. Quanta commozione, quante grazie, ha donato quella Madonnina?

Fazzoletti bianchi la salutano mentre la commozione profonda o manifesta, prende un po' tutti. Grandi fazzoletti anche nel cielo.

Tutti la salutiamo, sacerdoti, suore, autorità in divisa e noi tutti, … tanti fedeli devoti a Lei che con emozioni diverse riviviamo i momenti di questa settimana intensa, appena trascorsa.

Il pomeriggio dell’8 maggio, anche mio marito era con me: un pomeriggio di famiglie.

L’adorazione, il rosario, la S. Messa. Ognuno di questi momenti è stato preghiera, preghiera per la famiglia, per le famiglie tutte, per le loro gioie, per i loro dolori, per le loro difficoltà, per la forza che le sostiene nel cammino in un abbraccio di popolo unito.

“Dove l’amore è vero e forte valica i propri confini… e raggiunge gli altri”

E’ un pensiero, un ricordo, dall’omelia di Padre Carlo, che partendo dalla domanda sul perché del bisogno di “vincolarsi”, anche in questo momento storico in cui viviamo, dove l’amore va verso scelte libere o non istituzionalizzate, ha chiamato in causa Kierkegaard che diceva: “solo quando c’è il dovere di amare… l’amore è garantito per sempre contro ogni disperazione”

E poi ancora: l’uomo, percependo il pericolo che viene da se stesso e dalla sua fragilità, si premunisce, legandosi all’amore con la legge, per unirsi… all’eternità, perché vede che perdere l’amore sarebbe una perdita irreparabile.

L’amore tende all’eternità.

Nella Chiesa poi, il Matrimonio, Sacramento istituito, vede Dio come Colui che dona il desiderio della fedeltà reciproca ed è da questa sorgente di ogni Amore che la famiglia attinge forza.

Così, quando, poco dopo l’omelia, abbiamo ripetuto “… prometto…”, come ci eravamo detti, parecchi anni prima, noi, coppie presenti, più che al futuro, come avvenne quel primo giorno, abbiamo guardato al passato e l’invito a darsi un bacio ha riassunto in un attimo il lungo vissuto insieme, nella gioia di essere lì, sposo e sposa, in quel preciso momento.

La Madonna, sposa e madre, forse sorrideva a noi e alla sua stessa famiglia di un tempo.

 

 

Francamaria Debernardi

orario

Iscriviti alla nostra newsletter: sarai costantemente informato sulle nostre iniziative, eventi, etc...

casa-lanteri spot-oblati

DiADaIn - Realizzazione Web