Articoli

Campane....voce di Dio..

Una campana, un suono, una voce,.

che giunge dalle cose, dai fratelli,

dai poveri e dai piccoli.

dai malati, dagli affamati di speranza,

da chi cerca Dio, cerca pace...

Ma se siamo preoccupati di tante cose,

come udire quel suono, quella voce...

Ascolto attento : conforto, dialogo umile,

preghiera silenziosa..

E' Dio che ci chiama...

E' la sua voce, attraverso ogni uomo...

 

Bondi Pio

casa circondariale di Piacenza

Il Santuario e l’allegra “invasione”

Anche quest’anno abbiamo voluto celebrare in modo solenne il triduo in preparazione alla festa dei Beati Giacinta e Francesco, da sabato 18 a lunedì 20 febbraio, giorno della memoria liturgica.
Trattandosi del centenario delle Apparizioni della Vergine a Fatima, abbiamo concertato di invitare i bambini e ragazzi delle Parrocchie della Diocesi e Paesi limitrofi, e delle Scuole Cattoliche e non presenti nel territorio.
Sabato 18 febbraio, un piccolo gruppo di ragazzini del catechismo si è recato al Santuario, accompagnato dai genitori e dalla catechista per trascorrere una mattinata tutta speciale, sotto lo sguardo dei Pastorelli. Suor Lucia si è impegnata perché tutto si svolgesse per il meglio, come si è potuto constatare.
Al termine della loro attività, questi bimbi hanno portato in processione la statua dei Pastorelli, dalla Cappellina a loro dedicata al Santuario, dove l’hanno collocata ai piedi della Vergine Maria, dove sono rimasti fino a lunedì 20 febbraio, giorno della festa.
Domenica, durante tutte le Messe, s’è dato la possibilità di venerare i piccoli Beati, baciandone le reliquie.
Lunedì 20 abbiamo assistito ad una vera e propria esplosione di vita e di gioia: circa 300 ragazzini, frequentanti la Scuola dell’Infanzia e la Scuola Primaria, ci hanno allietato e edificato con la loro presenza. Provenivano dalla Scuola di San Vittorino, da Tivoli - Suola di San Getulio e del Taddei – e dalla Scuola di Villa Adriana, gestita dalle Suore Salesie.
Eh sì, ci hanno allietato, perché – lo sappiamo, ma è bene ribadirlo – i bimbi sono la nostra gioia, perché con la loro freschezza, purezza e spontaneità hanno la capacità di alleggerire il cuore e di farci scorgere il sole, al di là delle nubi che talora albergano la nostra vita.
Ci hanno anche edificato. La loro preparazione – onore e merito agli/alle insegnanti - il loro comportamento corretto, il raccoglimento in Chiesa, lo sfilare silenzioso davanti all’immagine della Vergine e dei Pastorelli, il canto dell’Ave Maria di Fatima, con la mano alzata che reggeva il fiore composto da loro, … tutto ha contribuito allo svolgimento sereno e proficuo della giornata.
La processione dal Santuario alla Cappella dei Pastorelli ha concluso la mattinata. Vedere questa lunga fila di ragazzini sfilare lungo il piazzale cantando l’Ave Maria e pregando, ha suscitato nei presenti sentimenti di profonda commozione.
Giunti alla Cappellina, i bimbi hanno deposto i loro fiori ai piedi dei due Beati, ai quali li abbiamo affidati, ricordando tutti i bambini del mondo, in particolare quelli che soffrono e sono soli.
Preziosissima la presenza degli insegnanti, religiose e laici; altrettanto preziosa l’aiuto offerto dai membri della Misericordia e di alcuni collaboratori del Santuario, del Maresciallo, grazie ai quali abbiamo potuto offrire un servizio ordinato e sicuro.
Un grande grazie al Signore e alla Vergine, che, oltre ai Pastorelli e ai bimbi che sono venuti, ci hanno regalato una giornata splendida, malgrado le funeste previsioni meteorologiche.
Da questi bimbi viene a noi un monito: il Signore ci ha donato questi fanciulli; a noi la responsabilità di farli crescere nell’amore verso il Signore stesso, la Vergine e gli altri; a noi il compito di essere guide certe, sicure, autorevoli, per essere punti di riferimento per la buona crescita di questi nostri figli.

A questi bimbi e ad altri, naturalmente, diciamo: “Vi aspettiamo, bimbi, perché siete la nostra gioia e la corona della Vergine Maria e dei nostri amici: i Pastorelli di Fatima”
i Padri Oblati di Maria Vergine
e le Suore Oblate di Maria Vergine di Fatima

IMG 6289

Durante i tre giorni la reliquia dei pastorelli è stata venerata da tutti.

IMG 6318

Lunedì, giorno della festa liturgica dei pastorelli, una turba di bambini ha rallegrato il santuario.

IMG 6316

Suor Giovanna ha fatto da capo orchestra nell'animazione, canti, esclamazioni e gestualità, preghiere...

IMG 6307

IMG 6311

IMG 6336

P. Carlo ha spiegato come, dopo aver visto la Madonna, hanno offerto la loro vita per consolare i cuori di Gesù e Maria.

IMG 6341

Poi è iniziata la processione...

IMG 6349

con ordine e decoro...

IMG 6351

Un ultima preghiera in santuario...

IMG 6361

IMG 6365

IMG 6369

IMG 6374

IMG 6384

IMG 6388

IMG 6389

IMG 6390

IMG 6391

IMG 6395

IMG 6398

IMG 6402

IMG 6403

IMG 6410

IMG 6416

IMG 6419

IMG 6426

IMG 6430

Poi i bambini hanno piantato il loro fiore nel giardinetto dei pastorelli...

IMG 6445

IMG 6451

IMG 6453

IMG 6456

IMG 6477

che è stato portato all'interno della cappella a loro dedicata.

IMG 6480

Triduo dei Pastorelli di Fatima

In preparazione alla festa dei nostri beati pastorelli Giacinta e Francesco, titolari della cappella davanti al santuario, è stato celebrato un triduo di preghiera. Tale triduo è incominciato con una piccola processione nella quale sono state portate le loro statuine e la loro reliquia davanti alla statua della Madonna nel santuario. Per tre giorni, alla fine di tutte le messe, si è pregato per ottenere grazie particolari dalla loro intercessione nel cielo. Tale triduo si è concluso con una bella e grande processione lunedì 20 febbraio, giorno della festa liturgica. (vedi prossimo articolo)

20170218 120233

P. Carlo, Rettore del santuario legge la preghiera ai pastorelli appena sistemati presso la Madonna

20170218 121009 

Il piccolo gruppo che ha portato la statua dei pastorelli in processione

20170218 121507

La statua dei pastorelli con i fiori preghiere dei bambini.

Fratello John Reese

Ciao caro, dolce fratello,

ci hai indicato nel sorriso,

una strada del Paradiso…

"Le tre Ave Maria"

Un messaggio d’amore a Maria nostra madre,

distribuito a tutti con semplice umiltà…

In punta di piedi, in silenzio,

sei entrato pian, piano nel cuore

di tutti i pellegrini del Santuario di San Vittorino.

Una presenza silenziosa, una preghiera condivisa,

con i malati e gli anziani , nella terza Domenica del mese…

Adorazione meditata, profonda, in ginocchio,

nonostante la tua infermità…Dolore e sofferenza alzando il capo,

gli occhi limpidi, con un sorriso pieno di bontà!!!

Quella stretta di mano e la tua carezza affettuosa,

ci mancherà… Ciao fratello John …

Angelo buono fra gli Angeli lassù…Ora riposa con gioia

Fra le braccia di Mamma Maria!!! Poi, se puoi,

prega per tutti noi quaggiù…

Cresca la Pace nel cuore e l’Amore misericordioso di nostro Signore,

ci porti ancora la Speranza di un mondo migliore!!!

Marialuisa Sangiuliano

Raggiungimi

FORTE,

CORAGGIOSO,

RAGGIUNGIMI OVUNQUE MI TROVO.

LASCIA IL RANCORE 

OLTRE IL MARE

 

Antonio Cianci

Opera (MI)

Pagina 1 di 22

orario

Iscriviti alla nostra newsletter: sarai costantemente informato sulle nostre iniziative, eventi, etc...

casa-lanteri spot-oblati

DiADaIn - Realizzazione Web